Bisogno

BisognoEsisteRegolaLineareInnataNotaOvunque

Stazione dopo stazione raccolgo le Mie bottiglie di plastica. Ho un carrello con cui scendo e salgo dalla U dalla S e che riempio di bottiglie. Prima percorro tutta una linea fino alla fine scendendo a ogni fermata, poi ne prendo un’altra e ricomincio il giro. A volte mi annoio e decido di cambiare binario, destinazione e, ovviamente, bottiglie di plastica. A volte ci penso a quelle che lascio indietro e che non saranno mai le Mie bottiglie.

Stazione dopo stazione devo stare attento agli Altri e alle Loro bottiglie. Certi diventano isterici nella ricerca, smaniosi dalla fame e con loro è impossibile ragionare. Ho provato più volte a spiegare a Tip il concetto della mia linea, quella che prendo alle sei e cinquantatré dalla periferia est e che mi porta allo zoo, ma lui non capisce. Lui dice che se a una bottiglia ci arriva prima lui, vuol dire che è sua.

Stazione dopo stazione cerco di non urtare col mio carrello le persone, che però mi guardano male, si indispettiscono, non capiscono perché io e le Mie bottiglie dovremmo occupare un posto sul treno che toglie spazio alle loro valigie rigonfie di “l’ho preso da Primark”. Una volta da Primark io ci lavoravo e lì vicino un giorno ho preso il mio carrello, il giorno in cui ho perso il lavoro, ero così confuso che ho fatto la spesa e l’ho portata fino a casa, però, nel carrello. Avrei potuto restituirlo, ma dove avrei messo le Mie bottiglie ora?

Stazione dopo stazione cerco di ricordarmi gli occhi blu di Lili e quei capelli quasi bianchi e quella vocina che mi chiede di portarla al parco, sempre. I primi giorni dopo il licenziamento l’ho portata al parco e ho usato il carrello come un automobile da corsa degli anni Cinquanta, piccola e pericolosa, come quelle che guidava mio padre. Anche gli occhi di mio padre erano blu.

Mi chiamo Lucas ho sessantaquattro anni e stazione dopo stazione raccolgo bottiglie di plastica che porto a riciclare al supermercato in cambio dei coupon.

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Piera Distefano ha detto:

    Ciao Valentina
    Il tuo breve racconto mi e’ piaciuto per la sua originalita’.essenzialita’ e stringatezza😘😘😘.
    Brava Valentina, continua cosi

    Mi piace

    1. alicenonlosa ha detto:

      Grazie Piera è molto bello sentirlo da te!!

      Mi piace

  2. Beatrice ha detto:

    Bello, essenziale e intrigante. Ti auguro un grande successo. Beatrice

    Piace a 1 persona

    1. alicenonlosa ha detto:

      Grazie davvero ☺️

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...